Login



 40 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi116
mod_vvisit_counterIeri236
mod_vvisit_counterQuesta settimana566
mod_vvisit_counterQuesto mese6131
mod_vvisit_counterTutti625917

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Benvenuti nel sito ufficiale della Provincia Napoletana dei Carmelitani!
In arrivo il nuovo numero di Vita Carmelitana (n. 02/2017)

 

Come può un movimento monastico, nato oltre 800 anni fa, trasmettere inalterato il suo carisma “di generazione in generazione”, restando fedele alla sua ispirazione iniziale senza cadere in stanche e anacronistiche ripetizioni? Questa domanda fa da sfondo ai contributi presenti in questo nuovo numero di Vita Carmelitana.

Partendo dalla Scrittura, il primo articolo si interroga sul senso della “tradizione” implicita nella formula biblica “di generazione in generazione”. Nell’epoca digitale tecnoliquida, dove i modelli familiari e sociali sono in continuo cambiamento, come recuperare il dialogo intergenerazionale? Quale Elia attendere per la necessaria “riconciliazione dei cuori dei padri verso i figli” (cfr. Mal 3,24) e viceversa?

Il secondo articolo sposta la riflessione dal movimento verticale, padre-figlio, a quello orizzontale, fratello-fratello. Pubblichiamo le prime due catechesi che don Angelo Imbriaco, assistente spirituale del Toc di Cardile sta tenendo nella sua comunità. Le altre puntate appariranno sul nostro sito e li troverete stampate nel prossimo numero di questa rivista. 

Leggi tutto...
 
Lectio Divina: 3° Domenica di Pasqua - Anno B - 15 aprile 2018

 

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 24,35-48)

35Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane. 36Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona apparve in mezzo a loro e disse: "Pace a voi!". 37Stupiti e spaventati credevano di vedere un fantasma. 38Ma egli disse: "Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? 39Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa come vedete che io ho". 40Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. 41Ma poiché per la grande gioia ancora non credevano ed erano stupefatti, disse: "Avete qui qualche cosa da mangiare?". 42Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; 43egli lo prese e lo mangiò davanti a loro. 44Poi disse: "Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi". 45Allora aprì loro la mente all'intelligenza delle Scritture e disse: 46"Così sta scritto: il Cristo dovrà patire e risuscitare dai morti il terzo giorno 47e nel suo nome saranno predicati a tutte le genti la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. 48Di questo voi siete testimoni.

Leggi tutto...
 
Lectio Divina: 2° Domenica di Pasqua - Anno B - 8 APRILE 2018

 

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv. 20,19-31)

19La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: "Pace a voi!". 20Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: "Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi". 22Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: "Ricevete lo Spirito Santo; 23a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi".

24Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. 25Gli dissero allora gli altri discepoli: "Abbiamo visto il Signore!". Ma egli disse loro: "Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò". 26Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: "Pace a voi!". 27Poi disse a Tommaso: "Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!". 28Rispose Tommaso: "Mio Signore e mio Dio!". 29Gesù gli disse: "Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!". 30Molti altri segni fece Gesù in presenza dei suoi discepoli, ma non sono stati scritti in questo libro. 31Questi sono stati scritti, perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

Leggi tutto...
 
Santa Pasqua 2018

 

 

 

Noi annunciamo

la risurrezione di Cristo

quando la sua luce rischiara

i momenti bui

della nostra esistenza

e possiamo condividerla con gli altri;

quando sappiamo sorridere

con chi sorride e piangere

con chi piange;

quando camminiamo

accanto a chi è triste

e rischia di perdere la speranza;

quando raccontiamo

la nostra esperienza di fede

a chi è alla ricerca

di senso e di felicità.

Con il nostro atteggiamento,

con la nostra testimonianza,

con la nostra vita, diciamo:

Gesù è risorto!

 

Papa Francesco

REGINA COELI

Lunedì dell'Angelo, 6 aprile 2015 

 

 

                                                        Padre Enrico Ronzini 

                                                        e tutta la Provincia 

                                                   augurano una

                                                     Santa Pasqua 2018

 

 

Leggi tutto...
 
Lectio Divina: Domenica di Pasqua – Risurrezione del Signore - Anno B - 1 aprile 2018

 

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv. 20,1-9)

1Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand'era ancora buio, e vide che la pietra era stata ribaltata dal sepolcro. 2Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: "Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!". 3Uscì allora Simon Pietro insieme all'altro discepolo, e si recarono al sepolcro. 4Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. 5Chinatosi, vide le bende per terra, ma non entrò. 6Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro e vide le bende per terra, 7e il sudario, che gli era stato posto sul capo, non per terra con le bende, ma piegato in un luogo a parte. 8Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. 9Non avevano infatti ancora compreso la Scrittura, che egli cioè doveva risuscitare dai morti.

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 74


Calendario Carmelitano


Mercoledì 25 Apr 2018
Oggi non ci sono ricorrenze!