Login



 12 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi223
mod_vvisit_counterIeri194
mod_vvisit_counterQuesta settimana1426
mod_vvisit_counterQuesto mese4109
mod_vvisit_counterTutti609997

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Benvenuti nel sito ufficiale della Provincia Napoletana dei Carmelitani!
Fr. Francesco Galiano è tornato alla casa del Padre

La Provincia è il lutto per la prematura scomparsa di fr. Francesco Galiano.

Questa mattina, il nostro carissimo Francesco è ritornato alla casa del Padre. Aveva 47 anni. Era nato a Francavilla Fontana (Br) il 17 febbraio 1964. Dopo un lungo cammino di ricerca spirituale era entrato nel Carmelo emettendo i voti solenni il 25 marzo 2006.

Lo ricordiamo con il suo semplice sorriso, come in questa foto (ultimo a destra) in compagnia di P. Domenico Fiore e fr. Francesco Ciaccia.

 

 

Il rito funebre si è svolto sabato, 26 novembre alle ore 9, presieduto dal priore della comunità di Mesagne, padre Riccardo Brandi. Hano concelebrato: il priore provinciale p. Enrico Ronzini, p. Lorenzo Sansevero, p. Antonio Calvieri e p. Francis; tra i ministranti, fra' Salvatore Ranieri.

Tutta la comunità mesagnese si è stretta intorno ai parenti di Francesco, alla mamma, la signora Giacinta Pastorelli e ai fratelli, Cosima e Giovanni. Erano presenti anche fedeli e amici di altre comunità della provincia che conoscevano e amavano fra' Francesco.

Padre Riccardo, nell'omelia ha ricordato l'ultima lectio divina tenuta Francesco il mercoledì precedente, sulle letture della prima domenica di avvento. E proprio queste letture sono state scelte per la celebrazione funebre, anticipando il vespro. Commentando le parole di Gesù, "Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento" (Mc 13,33), Francesco non poteva immaginare che il suo "momento" fosse così vicino. Ma certamente è stato trovato pronto e vigilante, nel il suo umile servizio della Parola. Padre Riccardo ha fatto notare che la lettura evangelica non era stata vissuta come una premonizione, perché la venuta del Signore è sempre, e per tutte le circostanze, imminente. Ma ascoltarla in questo particolare frangente, per tutti i presenti è risultata sconvolgentemente attuale. Francesco nella sua esegesi aveva messo in parallelo le ore del giorno: sera, mezzanotte, alba e giorno (Mc 13,35) con le ore della passione di Gesù. Ogni momento del giorno è vissuto dal cristiano all'insegna del tempo di Cristo. Ogni ora è segnata dalla croce. Ma ogni ora è anche riscattata dall'inesorabile trascorrere dal tempo. Il sacrificio di Cristo, infatti, immette nel tempo l'eternità.

Al termine delle celebrazione, il provinciale, padre Enrico, con visibile commozione ha salutato il confratello, affidandolo alle mani del Signore. Ha ringraziato tutti i presenti per l'affettuosa partecipazione al dolore dei famigliari e della comunità religiosa.

La salma è stata portata nella città natale di Francesco, Francavilla Fontana, dove nel pomeriggio si è svolta una celebrazione liturgica per permettere la partecipazione dei suoi concittadini e degli altri parenti. Infine, la tumulazione nel cimitero di famiglia.

La redazione di Vita Carmelitana esprime il suo cordoglio per la scomparsa prematura di fra' Francesco e partecipa, con la preghiera, al dolore della famiglia e della comunità.
 

Salvatore Schirone

 

 

 
Dalla Comunità di Palmi, nella sedicina in ricordo del miracolo mariano. SECONDA PARTE

Come già scritto nel precedente articolo, i giorni che intercorrono tra il 31 ottobre e il 16 novembre, sono molto intensi per la comunità palmese che si accosta al nostro santuario carmelitano. Sono i giorni della sedicina, in ricordo degli inzi degli eventi prodigiosi che si susseguirono in un continuo crescendop all'interno del nostro santuario nel 1894: la lignea raffigurazione della Vergine del Carmelo cambiava espressione e colorito del volto, lacrimazione dagli occhi della statua e sudorazione dalle mura della Chiesa. Eventi che si intensificarono notevolmente il 16 novembre 1894 e che portando in quel giorno la statua della Vergine in processione per le strade del paese, rese incolumi le vite dei cittadini dal terribile terremoto che distrusse tutti gli edifici del bel paese.

Per questo intendiamo continuare a condividere quanto vissuto in questi giorni, in cui si fa la festosa memoria della materna protezione di Maria venerata col titolo di Madre e Decoro del Carmelo su questa città.

 

 

13 novembre: Ricollocazione statua della Madonna restaurata nell'edicola del palazzo Mezzatesta

 

 

 

 

 

13 novembre: TOC: Elezione della presidente locale e suo consiglio

 

 

 

13 novembre: Nobile Congrega del Camine: Rinnovo promesse e nuovi ingressi

 

 

 

 

 

 

14 novembre: Visita dei bambini della scuola elementare De Zerbi

e ragazzi delle scuole medie al Santuario

 

 

 

14 novembre: Ministeri di lettorato e accolitato

per fr. Francesco M. Ciaccia

  

 

 

 16 novembre: Vita del Santuario

 

 

 
Dalla Comunità di Palmi, nella sedicina in ricordo del miracolo mariano. PRIMA PARTE

 

Diverse le celebrazioni che si susseguono nella nostra comunità palmese nella sedicina in ricordo del miracolo avvenuto per intercessione della Beata Vergine Maria del monte Carmelo nel 1894.

 

Intendiamo condividere in questo articolo solo alcuni momenti salienti di questo periodo di grazia che ormai volge al termine (chi volesse consultare approfonditamente tutto il materiale, catechetico e spirituale prodotto, può consultare il sito della comunità carmelitana di Palmi digilander.libero.it/fraternita.palmi.

 

 

30 ottobre: Calata della statua miracolosa

 

 

 

 

 

12 novembre: Ingresso al noviziato, professioni temporanee e perpetue, rinnovo voti TOC

  

 

 

13 novembre: Ricollocazione statua della Madonna restaurata nell'edicola del palazzo Mezzatesta

  

 
14 novembre 2011: Festa di tutti i santi carmelitani

  La Chiesa è          indefettibilmente santa: Cristo l'ha amata come sua sposa e ha dato se stesso per lei, al fine di santificarla; perciò tutti nella Chiesa sono chiamati alla santità. La Chiesa predica il mistero pasquale nei santi che hanno sofferto con Cristo e con lui sono glorificati, propone ai fedeli i loro esempi che attraggono tutti al Padre per mezzo di Cristo e implora per i loro meriti i benefici di Dio. Oggi in un'unica festa si celebrano, insieme ai santi carmelitani canonizzati, tutti i membri giusti della famiglia del Carmelo di ogni lingua, di ogni razza e di ogni nazione, i cui nomi sono scritti nel libro della vita. (www.ocarm.org/it/content/liturgy/tutti-i-santi-dellordine-festa)

 

 Prega con noi la liturguia delle ore in questo giorno di festa per l'intero nostro Ordine

  

 

 
Comunità di Palmi: Programma per la sedicina in memoria del miracolo mariano

 
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Succ. > Fine >>

Pagina 57 di 70


Calendario Carmelitano


Sabato 17 Feb 2018
Oggi non ci sono ricorrenze!