Login



 75 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi211
mod_vvisit_counterIeri271
mod_vvisit_counterQuesta settimana699
mod_vvisit_counterQuesto mese4167
mod_vvisit_counterTutti656499

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Lectio Divina: 10° Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 10 giugno 2018

Add this to your website

 

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 3,20-35)

20Entrò in una casa e si radunò di nuovo attorno a lui molta folla, al punto che non potevano neppure prendere cibo. 21Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; poiché dicevano: "È fuori di sé".22Ma gli scribi, che erano discesi da Gerusalemme, dicevano: "Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demoni per mezzo del principe dei demoni". 23Ma egli, chiamatili, diceva loro in   parabole: "Come può satana scacciare satana? 24Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non può reggersi; 25se una casa è divisa in se stessa, quella casa non può reggersi. 26Alla stessa maniera, se satana si ribella contro se stesso ed è diviso, non può resistere, ma sta per finire. 27Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire le sue cose se prima non avrà legato l'uomo forte; allora ne saccheggerà la casa. 28In verità vi dico: tutti i peccati saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno; 29ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna". 30Poiché dicevano: "È posseduto da uno spirito immondo". 31Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, lo mandarono a chiamare. 32Tutto attorno era seduta la folla e gli dissero: "Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle sono fuori e ti cercano". 33Ma egli rispose loro: "Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?". 34Girando lo sguardo su quelli che gli stavano seduti attorno, disse: "Ecco mia madre e i miei fratelli! 35Chi compie la volontà di Dio, costui è mio fratello, sorella e madre".

Breve esegesi

Gesù entra in casa di Pietro attorniato dai suoi e da molta gente. L’aver scacciato i demoni con la forza che è da Dio ha fortemente impressionato tutti, tanto da chiedersi con quale potere fa questo o anche chi gli ha dato il potere diabolico da comandare sugli stessi demoni? Sono coinvolti gli scribi, mandati da Gerusalemme, come fecero per Giovanni, quali tutori della legalità giudaica, a interrogarlo e rinfacciargli che è posseduto da  Beelzebul  capo dei demoni. E’ dal potere datogli da Beelzebul, affermano, che scaccia i demoni. Vengono in soccorso i parenti che pretendono di riportarlo a casa, credendolo invasato, fuori di se. Gesù attesta che i suoi parenti sono quanti lo attorniano e chi fa la volontà di Dio. Combattere e sconfiggere i demoni ha avuto un impatto e un prezzo presso la gente. Gesù contesta gli scribi affermando che  Satana non può lottare contro se stesso, distruggendo il suo regno. Inveisce contro i manipolatori della verità che insidiano i segni di Dio. Il suo potere è segno che  è giunto il regno di Dio contro il male di questo mondo. Tutti i peccati, afferma, saranno perdonati, eccetto quanti bestemmieranno contro lo Spirito Santo. Lo spirito di verità, non affermando la verità.

 

Meditazione pregata

Cristo Gesù, hai messo in discussione tutto un mondo giudaico fondato sulla legge di Dio, interpretata e fatta applicare da sette e poteri religiosi, scribi e dottori della legge, farisei e sadducei, che non avevano lo Spirito di Dio; ma reggevano le sorti del popolo di Dio, assuefatto a subire chi aveva su di loro il potere della parola, della legge. Tu sei la Parola incarnata e il popolo ha asserito che parlavi con autorità, ma i poteri si sono a te contrapposti, perché li scardinavi. Hai gridato alla folla: “Sulla cattedra di Mosè si sono seduti scribi e i farisei. Quanto vi dicono  fatelo e osservatolo, ma non fate secondo le loro opere, perché dicono e non fanno”. E ancora: ”Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il Regno dei cieli davanti agli uomini, non entrate voi e non permettere che altri vi entri”. Hai sovvertito, con l’autorità della Parola, il potere costituito e ti hanno fatto credere pazzo, fuori di te, tanto che sono stati coinvolti i tuoi parenti e familiari; mentre scribi e farisei hanno asserito che scacci i demoni in nome di Beelzebùl, capo dei demoni. Facile è stato per te obiettare a quei saccenti che un regno non può autoannientarsi. E a quanti ti facevano presente che erano lì tua madre e i fratelli, hai affermato che madre e fratelli sono quanti fanno la volontà di Dio, e costoro erano tra la folla che ti seguiva. La folla ti accerchiava perché voleva ascoltare la tua parola, come pane di vita disceso dal cielo. Avremmo voluto far parte della folla per ribattere ai mestieranti della legge di Dio che Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto. Di costoro hai detto che sono sepolcri imbiancati, bianchi all’esterno, internamente cadaveri. Quasi sentiamo di prendere le tue difese, Cristo Signore, per l’amore che ti portiamo. Siamo con te e ti seguiremo ovunque tu ci condurrai. 

 

Per la vita

L’esorcismo consiste nello scacciare i demoni che hanno preso possesso di una persona. E’sempre visto con una certa aria di scetticismo e di sufficienza, perché non si crede al possesso diabolico, al massimo si crede che la persona è vittima di una condizione psichiatrica. La bibbia, la teologia confermano che Satana è una persona, non una condizione psichica dell’uomo. La scrittura mostra chiaramente che Satana e i suoi demoni sono esseri che possiedono volontà e intelligenza e si oppongono a Dio. Sono evidentemente angeli che hanno peccato e con superbia si sono opposti, ribellati a Dio. La storia di Gesù non può essere compiutamente compresa senza l’opposto volere di Satana. Satana è colui che si oppone al piano di salvezza operato da Cristo, per cui gli concede potere se prostrato lo adorerà. Lo scopo di Gesù è di privare il diritto e il potere di Satana sull’uomo, peggio ancora di possederlo. Quale considerazione hai del potere satanico, credi che possa condizionare e assoggettare una persona, non più padrona di se? Al “liberaci dal male o dal maligno”, come spiritualmente e moralmente ti poni? 

 
P. Anastasio (Francesco) Filieri, o.carm.