Login



 23 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi211
mod_vvisit_counterIeri271
mod_vvisit_counterQuesta settimana699
mod_vvisit_counterQuesto mese4167
mod_vvisit_counterTutti656499

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Le Giornale Micaeliche 2018 a Mesagne

Add this to your website

 

MESAGNE - Il culto micaelico in Puglia discende dall’apparizione dell’Arcangelo Michele sul Gargano (8 maggio), sin dall’ultima decade del V secolo dell’era cristiana, per poi arrivare nella nostra terra, ed in particolare nella nostra Comunità. 

Nel caso di Mesagne si ha un rimando al prototipo, la grotta-santuario di San Michele sul monte Gargano, di grande immediatezza. In connessione con le date in cui la chiesa ricorda l'arcangelo, 8 maggio e 29 settembre, si svilupparono in Mesagne, nella nostra Basilica-Santuario, due tra le fiere più note del brindisino. 

Nel 1974-5 il sacro edificio fu interessato da lavori di restauro che resero alla collettività visibile memoria dell'ipogeo di San Michele in cui sono, ben evidenti, tracce d'affreschi del XIII-XIV secolo. Compiutamente leggibile è la struttura trecentesca che, come già rilevato dal Mannarino, presenta, in particolare sulla fiancata, punti di contatto con la coeva Santa Maria del Casale di Brindisi; all'interno, sulla controfacciata e nell'area del presbiterio, sono tracce d'affreschi verosimilmente coevi a quelli dell'ipogeo. 

Inoltre, nel corso di lavori di restauro svoltisi, a cura della Soprintendenza di Brindisi-Lecce-Taranto, nel corso del 2006, è stata recuperata, nella lunetta del portale, la rappresentazione, in affresco, dell'Arcangelo Michele, attribuibile al tardo XIV secolo.

Il culto di San Michele Arcangelo si esprime anche nella cappella numero sette, dedicata a S. Michele Arcangelo. Il quadro principale raffigura l’Arcangelo Michele, ed è stato realizzato da un maestro della cartapesta leccese: Raffaele Caretta nel 1907.

I cinque dipinti che adornano la cappella rappresentano:

1) S. Michele libera le anime del Purgatorio;

2) S. Michele appare al Vescovo Lorenzo Maiorano;

3) Il Vescovo Maiorano si reca in processione alla Grotta;

4) Nella grotta un toro riceve una freccia da Gargano che rimane colpito a sua volta;

5) Il Vescovo L. Maiorano con altri sacerdoti celebra la liturgia nella Grotta dedicata a S. Michele.

La Comunità dei Padri di Mesagne vi aspetta per celebrare e festeggiare insieme.