Login



 16 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi49
mod_vvisit_counterIeri243
mod_vvisit_counterQuesta settimana1352
mod_vvisit_counterQuesto mese5122
mod_vvisit_counterTutti641365

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Il cammino del TOC di Cardile: Prima catechesi sul tema della Fratellanza

Add this to your website

 

CARDILE - Condividiamo con i lettori della nostro sito le catechesi del cammino svolto dal Terz'Ordine Carmelitano di Cardile e tenute da don Angelo Imbriaco.

 

Caino ed Abele (La perdita della Fratellanza)

Causa della perdita della fratellanza è certamente l’attaccamento ai beni materiali. Secondo un racconto rabbinico il mondo venne diviso in due parti: a Caino venne dato ciò che non si muoveva (terra), ad Abele ciò che si muoveva (animali). Una pecora bruca in un terreno; Caino si infuria e ne chiede spiegazione ad Abele. Anche Abele chiede perché Caino si veste con pelli di animali; nasce la lite e Caino uccide Abele. Nel Vangelo sta scritto: “O state con Dio o con Mammona” (il Dio denaro). Perché esistono le guerre, per amor di patria? No! Per interessi. San Francesco disse: “Io non voglio possedere nulla, perché se possiedo qualcosa la devo difendere o con la legge o con le armi”. L’unico modo per vivere da fratelli è di rinunciare a possedere i beni materiali. San Francesco si poteva permettere di fare tale affermazione perché era un uomo di Dio; la sua regola era quella di non possedere nulla.

Anche Papa Francesco dice che se abbiamo diritto a una casa o a uno stipendio, questi soldi di chi sono se non di tutti come afferma anche il Catechismo della Chiesa cattolica, quando parla di “destinazione universale dei beni”. La proprietà privata è un diritto, ma che comunque appartiene a tutti. I primi cristiani portavano ai piedi dell’altare tutti i loro averi, tutte le proprietà possedute, perché fossero motivo di condivisione con coloro che non possedevano nulla, affinché si stabilisse un principio di uguaglianza attraverso la distribuzione equa dei beni in modo da arrivare ad un punto di equilibrio tra la ricchezza e la povertà. Beni come l’acqua o il sole non sono beni privati, ma hanno una destinazione universale; eppure c’è il commercio dell’acqua o guerre per il controllo e l’approvvigionamento di un bene essenziale per la vita dell’uomo. La condivisione dei beni è l’unico modo per vivere in armonia. 

Secondo altri racconti rabbinici Adamo ed Eva erano morti e Caino e Abele dovevano dividersi i beni. Abele disse che siccome era il primogenito gli spettava il doppio. Caino non fu d’accordo e per questo l’uccise. Per un metro di terra insorgono le inimicizie perché l’eredità non è stata divisa in modo giusto; oggi ci sono fratelli e sorelle che sono nemici e non si parlano per motivi ereditari.

Ancora, Caino e Abele dovevano scegliere un luogo dove costruire un tempio. Caino disse che si doveva costruire nel suo territorio perché la sua presenza sarebbe stata una benedizione per la sua terra. Abele si oppose per avere la benedizione dalla sua parte e così Caino uccise Abele. La fratellanza si perde in nome di Dio; si uccide in nome di Allah o di Gesù Cristo. Le storture della religione hanno prodotto le guerre di religione in nome di un Dio che invece è il Padre di tutti.

La quarta causa di conflitto per cui si perdono i fratelli secondo il motivo rabbinico è la donna. Oltre a Caino e Abele erano nate due gemelle, una bellissima presa in moglie da Abele e l’altra bruttissima presa in moglie da Caino. Per il fatto che Abele volle quella più bella Caino uccise Abele. La rovina delle famiglie sono le donne. La gelosia nasce per una donna e di conseguenza si uccide per gelosia di una donna.

Dopo aver ucciso Abele, Caino accusa Dio per il suo omicidio, appena Dio gli chiede dov’era il fratello. Accusa Dio perché non aveva fermato la sua mano, scarica la colpa su Dio, come avviene tra fratelli, mentre è importante che ognuno faccia il “mea culpa” essendo responsabile per le proprie azioni.