Login



 19 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi50
mod_vvisit_counterIeri243
mod_vvisit_counterQuesta settimana1353
mod_vvisit_counterQuesto mese5123
mod_vvisit_counterTutti641366

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Riflessione: Quaranta giorni...

Add this to your website

 

Torre Santa Susanna - Quaranta giorni che, tra altro, richiamano  l'immagine dell' Esodo: un popolo per 40 anni cammino' nel deserto verso la terra promessa. Dirante questo lungo cammino visse momenti ed eventi di gioia e di prova, di vita e di morte, di grazia e di peccato.Sperimentò  sempre però  La presenza di JHW che corregge e sorregge, punisce le colpe e lenisce le sofferenze, incoraggia e foraggia, perdona e dona nutrimento e forza per avanzare, difende e sospinge verso nuovi orizzonti e nuove aurore.
Richiamano, tra altro,l'esperienza di Gesù  che nel deserto per quaranta giorni, nella mortificazione del corpo è nell'appassionata  preghiera, si prepara alla missione aggidatagli dal Padre: annunciare l'AMORE e denunciare ogni forma di schiavitù  del divisore.anche Lui nel deserto si imbatte nel diavolo  che lo tenta  per tre volte  ma inutilmente : Cristo trionfa in tutte e tre le tentazioni.  Tre, quasi ad anticipare i tre giorni della sua gloriosa  morte.
Richiamano l'invito di Dio al cammino di conversione  nella penitenza, nella preghiera e nelle opere di carità. San Benedetto aggettivo come santi  i 40 giorni di Quaresima inaugurati dal rito delle ceneri 
Santi per i misteri  di Cristo che meditiamo e per le sollecitazioni alla vita Santa che riceviamo. Egli li paragona a un lungo corso di esercizi spirituali per l'anima cristiana.  La guida  è  Dio stesso che illumina mente e cuore  con l"abbondanza della sua Parola, delle celebrazioni, della varie devozione, tra le quali spicca il pio esercizio della Via Crucis.
Il cammino si snoda sulle orme di Gesù: il credente non deve fare altr che seguirLo e.condividere il Suo modo di vivere, la sua preghiera, la sua carità infinita  che si esprime in tanti modi verso fratelli e sorelle.
Senza questo cammino che conduce al Golgota e dinanzi a un sepolcro nuovo, prima chiuso da un pesante macigno,  poi vuoto e libero dal masso che lo ostruiva; senza questo cammino come si può  fare Pasqua? Fa veramente Pasqua chi, purificato nel cuore e slegato dai vincoli del demonio, svetta con il risorto Gesw nella luce e nella gloria della vita nuova. Buon cammino quaresimale e preghiamo " ad invicem!
 
Mons. Lucio (Angelo) Renna