Login



 29 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi84
mod_vvisit_counterIeri1147
mod_vvisit_counterQuesta settimana84
mod_vvisit_counterQuesto mese22992
mod_vvisit_counterTutti584389

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Solennità della Madonna del Carmine, 16 luglio 2017

Add this to your website

 

Nella sequenza o canto del Flos Carmeli, che i carmelitani da secoli rivolgono alla Madonna, è racchiuso tutto il patrimonio di fiducia e amore dei fratelli della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo. Maria è il fiore del Carmelo, vite fiorita e splendore del cielo, dice il canto. In una terra pre-desertica, qual è il territorio israeliano, l’estesa altura del Monte Carmelo, con la sua coltura  lussureggiante e bellezza è configurata a Maria: fiore, vite che fiorisce, cielo terso e splendente, e stella del mare conclude il canto. Perché il Monte Carmelo si affaccia sul Mare Mediterraneo. Stella Maris in latino, in ebraico e in arabo è la scritta della via che dal mare, in una chilometrica salita, conduce al Monte Carmelo. La realtà geografica del Carmelo, la sua fioritura, la sua bellezza è figura della Madonna, tanto che il Cantico dei Cantici, nell’elogiare la bellezza della sposa, dice:”Il tuo capo è come il Carmelo”. Questa espressione è riportata alla Madonna nella liturgia della festività.

 

Il cuore della preghiera, dell’inno a Maria è:”Sii propizia ai carmelitani, o Stella del Mare”. La Santa Sede non voleva che gli ordini cavallereschi che avevano combattuto nelle crociate in Terrasanta, come l’ordine teutonico e tanti altri, avessero modo di espandersi in Europa. I carmelitani provenivano dalla Terrasanta. Di qui la difficoltà ad essere annoverati tra gli ordini religiosi mendicanti in Europa e approvare la loro Regola di Vita, formulata da Albero, Patriarca di Gerusalemme.  

I Carmelitani si rivolsero a Maria loro Madre:”Fiore del Carmelo, sii propizia a noi carmelitani o Stella del Mare”, come termina il canto. La Madonna apparve e donò lo scapolare, quale segno di protezione materna per i carmelitani. Dopo tanto e prolungato tergiversare la regola di vita dei carmelitani fu approvata dalla Santa Sede e l’ordine ebbe modo di espandersi in Occidente.

Come abbiamo notato nei giorni precedenti, Maria apparve ai pastorelli di Fatima il 16 Luglio rivestita come Madonna del Carmine. Suor Lucia entrò in un monastero carmelitano e lì finì i suoi giorni. Inoltre l’ultima apparizione di Lourdes a Bernadette avvenne il 16 Luglio. Una coincidenza di apparizioni come conferma dell’apparizione della Madonna del Carmine con lo scapolare.  

I carmelitani hanno considerato Maria sorella e madre. Sorella perché li ha rivestiti di lei, del suo abito, e madre perché tale l’ha voluta Cristo Gesù sull’altare della croce, donandola a Giovanni e per lui a tutti noi. E nel cenacolo adunò fratelli e sorelle, discepoli e apostoli. In questa comunità di comunione in Cristo, è configurata la fraternità carmelitana.

Il Monte Carmelo è il luogo ove Elia esercitò il suo ministero profetico, combattendo contro quanti volevano rompere l’alleanza con il Signore Dio di Israele: il re Acab, la regina sua moglie Gezabele, che aveva introdotto il culto del dio Baal e i profeti, da lei foraggiati. 

Il libro dei Re fa irrompere Elia nella storia di Israele mentre si pone di fronte al re:”Viva Dio, alla cui presenza io sto, in questi anni non ci sarà né rugiada né pioggia, se non quando io lo comanderò”. Da notare che Elia fece questa drammatica affermazione al re, attestando di essere alla presenza di Dio. L’essere in Dio, alla sua presenza, ha affascinato tanti che lungo i secoli sono vissuti, quali figli di Elia, sul Monte Carmelo, nei segni della sua presenza: la grotta e la fonte di  Elia, indica non solo il luogo materiale quale segno, quanto fonte ispirante eliana di vita in Dio.

Elia fu perseguitato da Gezabele, si rifugiò presso il torrente Karit, andò in interra pagana, aiutò una donna per sovvenire alla carestia, ridonò la vita al figlio morto e dopo tre anni ritornò per una sfida sul  Carmelo, tra lui e i falsi profeti. Dopo tre anni Elia invitò il re Acab a salire sulla cima del Monte e mandò il suo servo per vedere se apparisse la nube che allargandosi avrebbe bagnato,inondato di pioggia la terra. Dopo la settima volta una nube, che nella tradizione latina dice:”Quasi vestigium ominis”, quasi a forma d’uomo, si allargò e la pioggia cadde abbondante. In quella nube a immagine di uomo i pii carmelitani hanno pensato di poter intravedere la Madonna. Inoltre un’altra tradizione o leggenda vuole che la Madonna, come è salita al Tempio di Gerusalemme, sia salita sul Monte Carmelo, non lontano da Nazaret, in pellegrinaggio presso la grotta di Elia, il più grande dei profeti. Grotta di Elia appartenuta ai carmelitani, ma di cui si sono appropriati gli israeliani, facendone una sinagoga e dando il permesso ai carmelitani di celebrare l’Eucarestia nella grotta nelle festività di S. Elia e S. Eliseo. 

L’Oratorio era il cuore del Monastero sul Monte Carmelo, ove i frati si raccoglievano, come figli e fratelli di Maria nello sfondo della sua immagine, quasi a rappresentare il Cenacolo, ove raccolse, in preghiera,  la chiesa nascente, nell’attesa che lo Spirito Santo infiammasse il Cenacolo per avviare l’evangelizzazione delle genti. L’identità Eliana e Mariana costituiscono il fondamento della vita e della spiritualità carmelitana: vivere alla presenza di Dio in unione mistica con lui, farsi servo della Parola e viver in conformità a Cristo, come Maria. Questi  cardini formano l’eredità, la spiritualità carmelitana. L’amore verso Maria non è espresso in un vago sentimento, ma in una comunione di vita divina, mariana, come lei l’ha vissuta in Nazaret, in uno con il Figlio suo Gesù.  

L’esperienza di Maria con Gesù in Nazaret è l’esemplarità di vita in Cristo e vita mariana. La fusione di comunione tra loro e di loro nel volere del Padre costituisce la fonte della spiritualità carmelitana. Lo scapolare è il segno esterno che indica e ci riporta a vivere questo patrimonio di spiritualità. Diventa lo scapolare il segno e lo stimolo alla identità carmelitana. Lo scapolare è un sacramentale, a modo di sacramento, perché è un segno che ci riporta alla vita di Maria in Dio. Perché è segno della materna protezione di Maria su di noi.  

p. Anastasio Filieri

 

Preghiera alla Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

 

Sei per noi sorella e madre, Beata Vergine Maria del Monte Carmelo. 

L’ossequio  a Cristo, espresso con cuore puro e retta coscienza, che scandisce la nostra vita, è stato da te incarnato e sei per noi modello di vita in Cristo Gesù. 

Sei stata posta dai nostri progenitori carmelitani al centro dell’oratorio sul Monte Carmelo, il luogo che ci riconduce al Cenacolo ove, quale madre e sorella, radunasti apostoli e  discepoli, fratelli e sorelle, nel nome del Figlio tuo Gesù, per costituire una comunione di fratelli in Cristo e avviare l’evangelizzazione delle genti. L’oratorio sul Monte Carmelo è stato per noi il luogo dello spezzare il pane, della comunione sacramentale, della fraternità orante, del ritrovarci quali fratelli sotto il manto della tua materna protezione. 

Nelle traversie dell’espansione in occidente tu ci hai protetto e ci hai donato lo scapolare, per rivestirci di te, quale segno del tuo amore e della tua protezione su di noi. E continua a rivestire della tua bontà materna, con lo scapolare, con il tuo manto, quanti a te si rivolgono nelle traversie della vita e ti hanno a modello nel soccorrere il Figlio, che hai custodito con immenso amore, fin sull’altare sacrificale della croce. 

Confortaci, nell’esperienza della ricerca dell’assoluto di Dio, di quella pace donataci dal risorto nel cenacolo, il luogo dello spezzare il pane con i fratelli e con ogni uomo, per fare nostra la sorte di ogni uomo. 

Fa che abbiamo ad amarti e venerati con cuore sincero, a modo di come hai amato il tuo Figlio, in intimità divina, in uno con il Padre. 

Nelle evenienze della vita mostrati sorella e madre, perché rivestiti del tuo santo abito e posti sotto la tua protezione. 

Custodiscici nel tuo amore fino all’incontro finale con il tuo Figlio Gesù, per introdurci a far parte della visione beatifica del regno, in eterna beatitudine.  Amen, così spero e così sia.        

 

 

Fiore del Carmelo,

vite fiorita, splendore del cielo

vergine e madre 

tu solamente sei vergine e madre,

madre mite sempre illibata

sii propizia ai carmelitani,

ai tuoi devoti tu sii propizia

Stella del Mare