Login



 6 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi76
mod_vvisit_counterIeri193
mod_vvisit_counterQuesta settimana269
mod_vvisit_counterQuesto mese5495
mod_vvisit_counterTutti560214

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Don Ciotti alla Giornata della Famiglia Carmelitana 2017

Add this to your website

 

 

 

FOGGIA - "Con e per i giovani carmelitani oggi". Questo il titolo scelto per la prossima Giornata della Famiglia Carmelitana, che vivremo nell'accogliente comunità di Foggia, il prossimo 1 maggio 2017. Il consueto appuntamento annuale della nostra Provincia che coinvolge tutti, frati, Toc, laici e giovani, vedrà quest'anno tra noi la presenza di don Luigi Ciotti che ci parlerà delle problematiche che i giovani viviono nei nostri territori.

 
Don Luigi Ciotti nasce il 10 settembre 1945 a Pieve di Cadore (BL). Nel 1966 promuove un gruppo di impegno giovanile, che prenderà in seguito il nome di "Gruppo Abele", costituendosi in Associazione di volontariato e intervenendo in numerose realtà segnate dall'emarginazione. Due anni dopo comincia un intervento all'interno degli istituti di pena minorili: l'esperienza si articola in seguito all'esterno, sul territorio, attraverso la costituzione delle prime comunità per adolescenti alternative al carcere. 
 
Terminati gli studi presso il seminario di Rivoli (TO), Ciotti nel 1972 viene ordinato sacerdote dal cardinale Michele Pellegrino: come parrocchia, gli viene affidata "la strada". E proprio in quella parrocchia così particolare che, in quegli anni, affronta l'irruzione improvvisa e diffusa della droga. Apre un Centro di accoglienza e ascolto e, nel 1974, la prima comunità. Partecipa attivamente al dibattito e ai lavori che portano all'entrata in vigore, nel 1975, della legge n. 685 sulle tossicodipendenze. Nel 1982, contribuisce alla costituzione del Coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza (CNCA), presiedendolo per dieci anni. Nel 1986 partecipa alla fondazione della Lega italiana per la lotta all'AIDS (LILA), nata per difendere i diritti delle persone sieropositive, di cui è il primo presidente. Nel marzo 1991 è nominato Garante alla Conferenza mondiale sull'AIDS di Firenze, alla quale per la prima volta riescono a partecipare le associazioni.
 
Negli anni '90 intensifica l'opera di denuncia e di contrasto al potere mafioso dando vita al periodico mensile Narcomafie, di cui è direttore responsabile. A coronamento di questo impegno, mettendo insieme le diverse realtà di volontariato e con un costante lavoro di rete, nasce nel 1995 "Libera-Associazioni, nomi e numeri contro le mafie", un network che, oggi, coordina nell'impegno antimafia oltre 700 associazioni e gruppi sia locali che nazionali. Sin dalla fondazione, "Libera" è presieduta da Luigi Ciotti.
 
Nel 1998 riceve a Bologna, su proposta del Consiglio di Facoltà di Scienze dell'Educazione, la Laurea Honoris Causa, che egli considera come un grande premio per lo sforzo compiuto da tutto il Gruppo Abele nel corso degli anni.
La Redazione