Login



 37 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi160
mod_vvisit_counterIeri251
mod_vvisit_counterQuesta settimana812
mod_vvisit_counterQuesto mese5249
mod_vvisit_counterTutti522526

Webmaster:
SiteGround web hosting www.schirone.it
Martina Franca: è don Francesco Imperiale il nuovo parroco di Maria Santissima del Carmelo

Add this to your website

 

 

 

MARTINA FRANCA (TA) - "Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto meraviglie!" Con l'esultanza delle parole del salmista la comunità parrocchiale di Maria SS. del Monte Carmelo di Martina ha accolto, lo scorso 8 ottobre 2016, l'insediamento di don Francesco Imperiale.

Una tappa significativa nella storia della nostra comunità. All’inizio della celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Filippo Santoro (al centro della foto) è stato letto il decreto canonico che ha designato nuovo parroco don Francesco che ha dato il cambio a don Michele Castellana, dimissionario dallo scorso aprile per raggiunti limiti d’età.

Don Michele ha guidato la nostra parrocchia per trentun anni, dal 1985 ad oggi. Un tempo molto lungo se considerato da un punto di vista umano, ma breve rispetto all’eternità di Dio che vive nel cuore dei battezzati, corpo di Cristo che vive nella storia. Il pastore che in piena libertà lascia la propria comunità parrocchiale fa una scelta apparentemente incomprensibile, ma degna di rispetto perché frutto di un intenso cammino di preghiera e di discernimento. La decisione ferma e definitiva di don Michele ha lasciato increduli i parrocchiani che sicuramente mai hanno voluto pensare a questo momento: una scelta dura da accettare, in virtù dell’impegno incondizionato e della cura pastorale per la quale l’amatissimo don Michele si è distinto in questi trentun anni. A tutti mancherà l’amico, il confidente, il consigliere, l’uomo di Dio capace di chinarsi verso gli ultimi per farsi carico di ogni situazione, anche la più difficile. Tutto il quartiere Carmine si identificava con il parroco don Michele, uomo di grande spiritualità, equilibrio, umiltà, onestà, generosità, magnanimità, mitezza e semplicità, amante della Chiesa, innamorato di Dio, della Madonna del Carmelo e della sua parrocchia. È questa la grande eredità che lascia a noi parrocchiani che lo porteremo sempre nel cuore, alla comunità cittadina.

Un grande eredità che passa ora al nuovo parroco, don Francesco Imperiale. Sappiamo infatti che la nostra chiesa non rimane orfana, ma gioisce e loda Dio per il dono del sacerdozio ministeriale che lo Spirito di Dio non fa mancare al suo popolo. Un pastore affida il suo gregge a un altro pastore. Tutto muta, gli eventi, le situazioni, le persone, solo Dio resta, perché Egli è eterno; è così che il nostro pellegrinaggio scorre nel tempo e nello spazio che ci è stato donato. 

Con don Francesco si apre un nuovo capitolo della storia della nostra chiesa. Con estrema generosità e operosità egli si è immediatamente inserito nella vita della parrocchia dimostrando grande disponibilità al servizio gratuito, frutto di una grande fede e di un grande amore per la Chiesa. Anche i parrocchiani e i collaboratori parrocchiali si sono avvicinati a lui con delicatezza e rispetto, desiderosi di cooperare per una fruttuosa attività pastorale condivisa. 

Don Francesco è un giovanissimo sacerdote proveniente dalla Chiesa di San Francesco d’Assisi di Crispiano. Fin dal primo giorno ha dimostrato grandi doti umane, oltre che grande carisma, sensibilità alla forma liturgica, sobrietà, spiritualità, entusiasmo, energia, dinamicità, spirito d’iniziativa, determinazione e peculiarità sulle scelte da compiere per il buon andamento della parrocchia e per una feconda attività pastorale. Lo affidiamo alle cure premurose della Vergine Maria, perché possa continuare a esercitare con amore il ministero sacerdotale nella nostra parrocchia, sostenuto con la preghiera e con la collaborazione dell’intera comunità parrocchiale. Dio benedica la nostra Chiesa!

Sono queste le meraviglie che il Signore ha compiuto e compierà in futuro per noi.

Nunzia D’Aria